Racconto d'inverno

Con: Giorgio Albertazzi, Pino Micol, Piera degli Esposti, Antonietta Carbonetti
Regia: Giancarlo Cobelli
Anno: 1980
Scene: Paolo Tommasi
Costumi: Paolo Tommasi

Racconto d' Inverno è la sfolgorante analisi dell'uomo capace di distruggere la propria felicità . Basta un presupposto, il piu' indelebile, perche' la luce si muti in oscura cecità e lasci spazio alla violenza e alla distruzione.

"Solo le cose sospettate sono vere" afferma Leonte, re di Sicilia, e su questa spinta si getterà nel delirio della gelosia, imprigionando Ermione la fedele consorte e ripudiando la figlia appena nata ritenendola il frutto di un adulterio: solo la morte del suo primo erede, Mamillio, arresterà questa bestiale corsa. Troppo tardi. Attorno a Leonte si fa il vuoto della solitudine e del pentimento. Ma come ogni esperienza pare debba servire solo a chi la compie cosi' anche il suo compagno d' infanzia Polissene, Re di Boemia , colui che sedici anni prima era stato l' oggetto della gelosia di Leonte, durante una festa pastorale viene accecato, anche lui, da una "passione", diversa da quella dell' amico , ma non meno pericolosa e distruttiva: la possessività.

Suo figlio Florizel innamorato di una giovane pastora, Perdita, è costretto alla fuga con la giovinetta minacciato da furori del padre che vuole per lui un matrimonio principesco. Per fortuna il loro approdo sarà proprio la Sicilia dove Leonte mutato dal tempo e dalla sofferenza dipanerà i propri e altrui travagli.

Se nel Racconto d' Inverno , la Morte è l' esecutore capitale che tronca ogni azione buona o malvagia, il Tempio invece, giudice piu' clemente, invita gli uomini a meditare e a trovare attraverso la dolorosa esperienza quella consapevolezza che i Saggi raccontano ma che noi disattenti, o bambini caoarbi, prima di accettarla vogliamo toccare con mano.

Shakespeare lo sapeva e forse per questo fa raccontare nell' inverno della vita ciò che i suoi personaggi hanno vissuto prima nelle loro tumultuose e perdute stagioni.

Giancarlo Cobelli

Foto 1 : Locandina spettacolo con attori e interpreti    

Foto n. 2 : Bozzetto scenografia di Paolo Tommasi

Foto n. 3 : Giancarlo Cobelli

Foto n. 4 : Giorgio Albertazzi e Antonietta Carbonetti

Foto n. 5 : Pino Micol


Spettacoli in Corso

MEMORIE DI ADRIANO
Marguerite Yourcenar (rivista da Ferdinando Ceriani)
Dopo i grandi successi di pubblico e critica ottenuti al debutto al Teatro Olimpico di Vicenza e al Teatro La Pergola di Firenze torna Memorie di Adriano e, di nuovo, ci aiuta a riflettere sul...scopri di più
LA FEBBRE
Wallace Shawn
La protagonista de La febbre attraversa numerosi livelli di lucidità e sprofondamento nel suo incubo. La scena di questo spettacolo deve essere in grado di ripercorrere quegli stessi livelli,...scopri di più
OGGI E' GIA' DOMANI
Willy Russel
Una commedia da non perdere, che dimostra ancora una volta tutto il talento e la verve comica. Una casalinga con un marito distratto e quasi sempre assente, due figli egoisti che si ricordano di...scopri di più
RECITAL
Gianfranco Jannuzzo
Ho sempre cercato di raccontare gli italiani attraverso l’uso dei nostri dialetti, convinto, come sono, che essi abbiano, per la loro naturale immediatezza, spontaneità, ricchezza di...scopri di più
Teatro e società srl - Trasparenza
diretto da Pietro Mezzasoma
Via Monte della Farina, 42 - 00186 Roma
Tel. 06.683.3351 (anche Fax) - 06.686.1880